Molto spesso si incontra l’esigenza di far conoscere la propria azienda anche all’utenza Web che non parla italiano. Creare un sito multilingua presenta enormi vantaggi commerciali e di brand awareness, perché offre grandi opportunità a piccole e grandi aziende di farsi notare anche in mercati oltre il confine nazionale.

Se si desidera conquistare anche il mercato estero, la prima cosa da fare è sicuramente creare una versione multilingua del sito Web dell’azienda. Se il sito è stato realizzato con WordPress, sarai felice di sapere che esistono moltissime soluzioni, gratuite e a pagamento, per aggiungere con discreta semplicità una o più lingue straniere al sito.

Premetto subito che per con “sito multilingua”, intendo dire la creazione a regola d’arte di un sito che sia realmente strutturato per funzionare in più lingue.

Questa premessa è doverosa, perché non intendo minimamente parlare dei vari traduttori automatici che offrono un servizio completamente diverso da quello che vorrei illustrare. Quindi per sito multilingua intendo un sito Web che presenta contenuti di cui si possiedono le traduzioni eseguite da un traduttore professionale.

creare un sito multilingua

Per creare un sito multilingua ci sono molte soluzioni, ma solo una è davvero professionale.

Una soluzione che conosco poco per creare un sito multilingua, ma che ultimamente ne ho sentito parlare sempre più spesso (e bene) è Polylang. Si tratta di un plugin gratuito che permette di trasformare un sito “monolingua” in multilingua, gestendo con estrema praticità la traduzione di pagine, post, categorie, tag e così via. Le recensioni nella pagina ufficiale in WordPress.org sono ottime e anche il supporto sembra essere presente e puntuale.

Polylang

La mia esperienza professionale però mi ha fin da subito dirottato verso un altro plugin, questa volta  a pagamento, che ritengo essere il non plus ultra del settore: sto parlando naturalmente di WPML.

Quest plugin è davvero straordinario, perché permette di impostare il sito con moltissime variabili sia esso utilizzato in un “semplice” sito istituzionale oppure in un più complesso e-commerce. Oltre alla gestione delle traduzioni per post, pagine, categorie e tag, permette di gestire le traduzioni del tema e dei singoli plugin, ma anche di organizzare il lavoro dei traduttori.

WPML-suiteRiassumendo posso dire che i vantaggi nel creare un sito multilingua con WPML sono:

  • Semplice da impostare;
  • Supporto ufficiale strepitoso;
  • Praticamente uno standard, il che lo rende compatibile con moltissimi temi e plugin;
  • Struttura SEO-friendly;
  • Gestire del sito con dominio di secondo o terzo livello, oppure in sotto cartella;
  • Perfetto anche con siti e-commerce (compreso WooCommerce).

Concludo col dire che per essere più preciso bisogna considerare WPML è una vera e propria suite, perché è composto dal plugin principale e da una serie di add-on dedicati alla realizzazione del sito multilingua con WordPress. Per maggiori informazioni è possibile vedere l’elenco dei componenti della suite nel sito ufficiale.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Share This