Con questa guida SEO 2017 per WordPress vorrei condividere con te una serie di risorse utili reperibili gratuitamente nel Web per capire meglio cosa sia l’ottimizzazione SEO.

La SEO non è magia nera, quindi non è una tecnica occulta per portare il proprio sito nei primi posti delle classifiche (chiamate Serp) dei motori di ricerca. L’Ottimizzazione per i Motori di Ricerca (che in inglese sarebbe per l’appunto SEO, search engine optimization) racchiude una serie di tecniche, linee guida, consigli utili per migliorare il posizionamento organico di un sito all’interno dei risultati di ricerca in Google, Bing e Yahoo.

Guida SEO 2017 - posizionamento organico

Queste tecniche si possono suddividere in due parti:

  • ottimizzazione on-site: ovvero tutte le attività di miglioramento che possiamo fare all’interno del nostro sito Web;
  • ottimizzazione off-site: che raggruppa tutte le attività di ottimizzazione che vengono apportate all’esterno del sito, come ad esempio la link building.

L’obiettivo  finale della SEO è ovviamente commerciale, nel senso che il fine di tutti questi sforzi è quello di aumentare il traffico qualificato verso il nostro sito Web. Per traffico qualificato intendo “farsi trovare facilmente da qualcuno che cerca i miei prodotti e/o servizi all’interno del motori di ricerca”.

Il Web semantico

Grazie all’evoluzione dei motori di ricerca come Google, la SEO negli ultimi anni ha subito una virata verso il mondo delle parole, del significato, del contesto, per dirla in breve è stato attribuito valore ai contenuti.

Con il termine Web semantico si intende “la trasformazione del World Wide Web in un ambiente dove i documenti pubblicati (pagine HTML, file, immagini, e così via) sono associati ad informazioni e dati (metadati) che ne specificano il contesto semantico in un formato adatto all’interrogazione e l’interpretazione (es. tramite motori di ricerca) e, più in generale, all’elaborazione automatica.” (cit. da Wikipedia).

Il mondo “strutturato e rigido” del Web precedente a questa rivoluzione semantica ha dato spazio ad una visione olistica in cui far convivere con la corretta armonia una puntuale ottimizzazione tecnica, una migliore esperienza utente, contenuti di maggiore qualità (testi, immagini e video), e migliori performance e sicurezza del sito.

Fare SEO con WordPress

I principi della SEO sono gli stessi indipendentemente dal software CMS che stiamo utilizzando, ma sicuramente negli ultimi anni WordPress è diventato la piattaforma di sviluppo più utilizzata in assoluto.  Questo successo è dovuto a molti fattori, tra cui la facilità di utilizzo e la grande predisposizione naturale di WordPress nell’essere ottimizzato in ambito SEO.

Un grande aiuto nel fare SEO con WordPress ci viene dato dai plugin dedicati. Ne segnalo qualcuno per completezza:

  • Yoast SEO
  • SEOPressor
  • SEO Ultimate
  • Premium SEO Pack

Sono tutti ottimi prodotti, ma è fuori dubbio che Yoast SEO sia il plugin più diffuso e utilizzato per fare SEO con WordPress. Esiste sia in una versione gratuita molto completa, sia in versione a pagamento con un supporto premium.

Questa tipologia di plugin sono particolarmente utili perché ci permettono di fare con semplicità tutta una serie di ottimizzazioni doverose al nostro sito.

Yoast SEO

Cosa bisogna fare per iniziare a fare SEO con WordPress

La risposta è ovvia: studiare. Sicuramente i risultati di posizionamento non verranno semplicemente installando un plugin in WordPress. Per ottenere un risultato che sia evidente nel tempo, è importante analizzare, ottimizzare, implementare, e modificare molti aspetti del sito, relativi ai contenuti, ma anche al codice e alla grafica.

Se non sai da dove iniziare, un ottimo inizio è la guida introduttiva di Google all’ottimizzazione per motori di ricerca, un documento pdf ricco di informazioni basilari su come ottimizzare on-site il proprio sito Web.

Il team Yoast (quello che produce il plugin) ha realizzato la guida Yoast SEO, mantenuta aggiornata e liberamente consultabile. Questa pagina è particolarmente utile soprattutto se hai installato il relativo plugin, perché tutti gli esempi che presenta sono costruiti sulle caratteristiche del plugin stesso.

Per chi inizia a fare SEO da zero

Se hai già fatto un po’ di ricerca in Google, avrai trovato moltissimo materiale relativo al mondo SEO, e probabilmente questa abbondanza ha creato anche disorientamento. Non ti preoccupare, perché nonostante ci sia moltissimo materiale disponibile (centinaia di siti in italiano e in inglese), il più delle volte questi siti prendono spunto da siti autorevoli (italiani, ma soprattutto stranieri) che forniscono moltissime informazioni in questo settore (per dire che in realtà le cose sono molto spesso le stesse).

Neil Patel (Quick Sprout)

quicksprout-logo

Parlando di siti autorevoli, possiamo tranquillamente partire da Neil Patel, un vero e proprio mostro sacro del settore. Nei vari siti che gestisce mette a disposizione moltissimo materiale di qualità eccelsa. Prende in considerazione tutti i livelli di conoscenza della SEO e infatti ha preparato due guide straordinarie, sia per neofiti, sia per chi ha già dimestichezza.

Brian Dean (Backlinko)

Backlinko-logo

Un autorevole amico di Neil Patel è Brian Dean, che attraverso il suo sito Backlinko fornisce una montagna di informazioni estremamente dettagliate su come posizionare con successo un sito Web. La prima sua lettura che ti consiglio è l’anatomia di un perfetta pagina ottimizzata, perché fornisce una panoramica chiara e completa su cosa bisogna fare nella pratica per migliorare la SEO on-site.

Ovviamente anche Brian Dean ha realizzato una guida SEO by Backlinko, estremamente chiara e completa sulle cose da fare per migliorare l’ottimizzazione del sito per i motori di ricerca.

Moz

Moz-logo

In un articolo come questo è impossibile non citare la guida di Moz per principianti, un vero e proprio manuale suddiviso in 10 capitoli che tratta molti aspetti teorici e pratici della SEO.

Consigli SEO 2017: riassumendo

Parafrasando i consigli SEO di Link-Assistant.com la prima regola è farsi trovare quando ti cercano. Sembra una banalità, ma alla fine è l’unica cosa che conta. Assicurarsi che gli utenti trovino proprio il tuo sito (senza conoscerlo precedentemente) attraverso una ricerca sui motori di ricerca, è la grande sfida della SEO.

Mantenere la struttura logica del sito chiara e semplice da navigare, è la prima cosa da progettare già in fase di analisi.

L’utilizzo di sitemap XML, HTML, i feed rss e i markup di Schema.org aiutano Google a comprendere meglio il tuo sito Web.

L’algoritmo Panda di Google ha suggerito che la scelta migliore è puntare alla qualità dei contenuti (testi, immagini e video).

Migliorare l’esperienza utente attraverso delle performance ottimali del sito, l’utilizzo di certificati https e una piena compatibilità coi dispositivi mobile come tablet e smartphone.

L’utilizzo del social media marketing o di tecnologie come AMP (Accelerated Mobile Pages project), anche se indirettamente, può portare grandi benefici in ambito SEO.

Bonus SEO

Prima di salutare ti consiglio di studiare al meglio delle tue possibilità il materiale suggerito in questa pagina, ma non dimenticare sempre e comunque di pensare il tuo sito Web e i suoi contenuti per l’utente umano e mai per il motore di ricerca.

Infine ti ricordo di leggere il mio articolo sugli strumenti utili e gratuiti per la SEO, e ti segnalo anche alcuni link esterni perfetti per confezionare la tua cassetta degli attrezzi SEO.

The complete list of SEO tools by Backlinko

36 strumenti gratuiti bu Studio Samo

Oltre 178 strumenti per i Webmaster by Girgio Tave

Se hai bisogno di un aiuto in ambito SEO per il tuo sito, contattami senza impegno.

contattami per siti Web per medici

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Share This